News

Ruolo unico nazionale per i mediatori creditizi: e l’Europa cosa dice?

mercoledì 31 marzo , 2010

La proposta di legge dell’onorevole Cosimo Ventucci del PdL è ancora attuale? Dopo la presa di posizione dell’Europa, con la sua Direttiva Servizi e l’atteggiamento del Governo in merito alla soppressione del Ruolo degli agenti d’affari ci pare difficile che l’iniziativa parlamentare possa trovare approdo. Parliamoci chiaro: noi di Anama siamo favorevoli all’istituzione del Ruolo unico per i mediatori creditizi, così come lo eravamo per gli agenti immobiliari. Ma da quando il Ruolo dei mediatori immobiliari è stato svuotato di contenuti, presenze associative ed iniziativa ci sembrava ovvio che questa “scatola vuota” sarebbe stata soppressa. Ora dalla lettura della Proposta Ventucci ci sembra di poter condividere l’impianto normativo che prevede l’accesso con requisiti minimi di scolarità, di formazione e di verifica finale. Inoltre l’obbligo della copertura assicurativa e il coinvolgimento delle associazioni alla gestione della categoria ci fa ben sperare che la categoria possa dotarsi di uno strumento che farà solo bene al settore. Questa iniziativa parlamentare si contrappone, di fatto a quella dell’on. Pinza che dava risalto e autorità alle società di mediazione creditizia a scapito dei piccoli operatori, vista l’imposizione di una fidejussione alquanto onerosa e pesante. Staremo a vedere cosa succede ed intanto Anama è già attiva per incontri di approfondimento verso gli uffici preposti. Un dato è certo: l’indipendenza dei soggetti abilitati dalle Banche e dal sistema bancario non potrà che far bene al settore ed alla categoria. In Anama sono già oltre 1.000 gli associati mediatori del credito ed il dato è in continua crescita.

   , , , , ,

Condividi su:

6 commenti

  1. vorrei informazioni ruguardanti l’abolizione del ruolo per agenti immobiliari da parte della CEE
    in quanto ho sostenuto il corso ma la camera di commercio della mia provincia non sa ancora come muoversi a riguardo e di conseguenza non posso fare l’iscrizione per iniziare la mia attivita’, prego cortesemente di informarmi in merito in quanto ho necessita’ di sapere grazie

  2. Non è cambiato nulla! La sua CCIAA non può rispondere in questo modo: lei con il titolo di studio, l’attestato di frequenza del corso (valido) chiede l’ammissione all’esame e dovrà sostenerlo senza remore. Attendere cosa? La CCIAA faccia il suo lavoro: organizzi l’esame, ammetta i candidati e si adegui ad una normativa che, al momento, nulla ha cambiato. Se poi passerà l’idea di Anama di fare corsi abilitanti, cioè che terminano con l’esame interno (alla presenza di un commissario regionale esterno), questi problemi con la CCIAA non ci saranno più e chi vorrà dare corso all’attività professionale lo potrà fare senza dover attendere … la grazia dall’alto! (L’ente di formazione con il quale ha fatto il corso le può essere d’aiuto)

  3. non ci risulta che oggi vi sia un esame per i mediatori creditizi. L’iscrizione oggi alla Banca d’Italia ce l’hanno per titoli, non per esami.

  4. sono del 1958 , non ho il diploma, pero’ mi e’ stato detto che esiste una legge, ma non so quale, in base alla quale anche senza diploma si puo’ dare l’esame per mediatori, solo pero’ se la data di nasciatìta e’ anteriore alla legge e con 2 anni di assunzione presso un’agenzia immobiliare, e’ vero? qual’e’ la legge? grazie

  5. Sig. Sols 68,
    questa norma era vigente prima della legge 57/2001 art. 18 che ha elevato il titolo di studio richiesto per poter accedere all’esame. Al limite si rivolga all’ufficio mediatori della sua CCIAA che le sapranno dare info più precise.

Lascia un commento