In primo piano

Gli italiani: l’81,1% hanno case in proprietà, il 18,1% in locazione

sabato 3 aprile , 2010

Ora con l’Istat i dati diventano ufficiali. E quindi siamo in grado di riferire sulle case in proprietà e quelle in affitto degli italiani. Da questa ricerca emerge che in Italia l’81,1% delle famiglie ha una casa in proprietà (68,5% piena proprietà – 12,6% in usufrutto o uso) per un totale di 20 milioni di cittadini. Si conferma quindi la propensione all’acquisto della casa degli italiani, nonostante il sovraccarico degli onerei abitativi e la difficoiltà di far fronte alle spese connesse alla proprietà con regolarità. Un altro importante elemento da analizzare è che il 13,4% degli italiani è alle prese con il mutuo e le rate che pesano sempre di più. A questo proposito va sottolineato che 300.000 nuclei familiari hanno rinegoziato il finanziamento, allungandone la durata per ridurre appunto il peso della rata mensile. Sono quasi 5 milioni (4,7 mil.) invece gli italiani che vivono in case di locazione con una percentuale del 18,9%, comunque inferiore rispetto al dato europeo che si attesta nel 25%. La ricerca di stabilità abitativa, rappresentata da chi comunque acquista la casa (magari con il Mutuo) si contrappone alle famiglie che vanno in affitto. Queste sono le famiglie con redditi più bassi ovvero quelle che non riescono ad accedere al mutuo, perchè prive di garanzie o di un reddito valido. Il dato anche in questo segmento è significativo: si parla del 30,6% dei casi di persone sole con meno di 35 anni di eta’ e del 24,7% di giovani coppie senza figli. Inoltre 2,4 milioni di italiani si sono trovati in condizione di “serio disagio”, con questa crisi dal momento che le spese per l’abitazione hanno risucchiato il 40% del loro reddito disponibile. Si calcola che sommando tutte le spese, per il condominio, per il riscaldamento, l’acqua, l’elettricità, il telefono, l’affitto o gli interessi passivi sul mutuo una famiglia spende in media quasi 350 – 400 euro mensili.

   , , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento