La notizia del giorno

Anama presenta due emendamenti al Governo

lunedì 5 luglio , 2010

Anama vuole caratterizzarsi per i fatti e non solo per le parole! Ecco quindi presentati due emendamenti, grazie alla collaborazione dell’ufficio del Sottosegretario Mario Mantovani che, tramite il Capo della segreteria, dott. Giacomo Di Capua, si è fatto carico di presentarli. Si tratta di di temi importantissimi che incidono fortemente sull’attività degli agenti immobiliari. Il primo fare ordine sull’obbligo, in solido con i clienti, del pagamento dell’imposta di registro sulle scritture private redatte con l’ausilio dell’intermediario per il quale Anama chiede l’abrogazione o in alternativa che le parti siano obbligate a fornire copia della scrittura privata all’agente immobiliare; il secondo riguarda l’obbligo di dichiarare in atto l’ammontare delle provvigioni a favore del mediatore per il quale Anama chiede che sia obbligatorio solamente l’indicazione del numero della fattura e dell’importo. Le ragioni dei due emendamenti sono chiare: non si può addossare all’intermediario un obbligo che, di fatto, rischia di non “poter gestire”, come quello della registrazione degli atti privati e non è corretto che in un atto pubblico si indichino le condizioni economiche riservate ad un cliente rispetto all’altro. Ricordiamo che la provvigione è dovuta, per legge, da entrambe le parti e che la provvigione può essere motivo di trattativa e quindi diversa dal venditore e dall’acquirente (Nella foto il dott. Giacomo Di Capua di spalle, mentre discute con il coordinatore nazionale Fabio D’Onofrio. delle modalità e delle iniziative da porre in essere. In piedi il presidente Paolo Bellini).[download id=”21″]

   , , , , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento