La notizia del giorno

Serve la Consulta Nazionale dell’Intermediazione

giovedì 29 luglio , 2010

Inutile girarci attorno: è fondamentale rendere operativa la Consulta nazionale dell’Intermediazione per confrontarsi con il Governo. La lezione presa con il recepimento della  Direttiva Servizi dovrebbe essere sufficiente per far capire ai dirigenti delle tre associazioni di categoria che da soli non si ha peso nei confronti del Parlamento e dell’Esecutivo. Uniti i risultati a tutela e difesa della categoria invece si sono sempre registrati. Basti pensare alle battagli vinte sulle commissioni Ruolo, sull’istituzione della pratica professionale, sulla copertura assicurativa obbligatoria. Ma anche quella che ha dato compatibilità all’agente immobiliare nello svolgere la professione di mediatore del credito, (oggi messa in forse – giustamente secondo noi – dalla modifica normativa in essere) o nel rapporto con i Notai e le altre  professioni. Solo la Consulta può rappresentare a pieno titolo l’intera categoria, sia verso gli iscritti sia nei confronti “del Palazzo”. Chi si illude di poter far da solo è fuori strada e rischia di lanciare moniti ed allarmi che di fatto non produrranno mai nulla. Se si vogliono risultati veri nei confronti dell’Europa, del Governo e dei Ministeri di riferimento bisogna presentarsi uniti al loro confronto. E’ per questa ragione che Anama, titolare del coordinamento nazionale della Consulta per il biennio 2010 – 2012, ha intenzione di convocare l’organismo per fine Settembre, per rimettere attorno ad un tavolo le tre delegazioni di Anama, Fiaip e Fimaa. Sarà un tentativo vano? Staremo a vedere! Chi non aderirà all’invito dovrà  motivare la ragione che lo spinge a non partecipare ad un tavolo comune e risponderne di fronte alla Categoria intera .

   , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento