La notizia del giorno

Caro amico ti scrivo … appello alla Fiaip per la Consulta

domenica 1 agosto , 2010

Pubblichiamo una lettera aperta del presidente Paolo Bellini indirizzata a Paolo Righi, attuale presidente nazionale della Fiaip. La lettera è un chiaro invito a riprendere i lavori della Consulta nazionale dell’Intermediazione che vede attorno a un tavolo la Fimaa, la Fiaip e Anama. Lo riteniamo un gesto nobile ed una lettera pacifica scritta con il cuore in mano da Bellini, riconfermato di recente alla guida dell’Anama per i prossimi quattro anni. L’intenzione di Anama è di riconvocare la Consulta per fine settembre a Roma per riprendere assieme un cammino di confronto e di crescita a favore della categoria. La Redazione

Caro Paolo, sarà che ti chiami come me; sarà che sei brillante e dinamico; sarà che provieni dalla Regione Emilia Romagna dove è nata mia madre e dove ho trascorso tutta la mia gioventù, saranno tutte queste ragioni unite al fatto che abbiamo vissuto alcuni anni assieme in Consulta Nazionale dell’Intermediazione che non porto rancore e ti stimo … nonostante tutto!Sì! Ti stimo perché sei alla guida di una grande associazione di categoria alla quale mi lega la personale storia professionale e tante battaglie vinte assieme. Ti stimo perché sai lanciare moniti al Palazzo, anche se alle volte i tempi non sono sempre calibrati. Ti stimo perché sei una persona onesta, operosa e capace di difendere fino in fondo i tuoi associati. Ma con altrettanta onestà ti devo recriminare una sorta di “presunzione di onnipotenza” che ti porta a lottare e a sacrificare tempo e denaro in rivendicazioni che, da solo come Fiaip, non porterai mai a risultato. Serve l’unione, perché mai come in questo momento lo stare assieme fa la forza. Il Parlamento è “preda” dell’Europa e dei suoi dictat. La Direttiva Servizi ne è un chiaro esempio. Solo dove tutte e tre le associazioni di categoria hanno fatto quadrato (magari involontariamente) e mi riferisco alla salvaguardia dei requisiti minimi per l’accesso alla professione, abbiamo vinto! Ma per il resto, dove hai preferito … andare avanti da solo, probabilmente convinto di farcela, hai sbattuto contro un muro invalicabile. I rapporti in Parlamento, al Governo e nei Ministeri li abbiamo tutti e non bastano solamente quelli che tu riesci ad intrecciare. Infatti sono molte le modifiche del palinsesto associativo che si presentano come novità: pensa a Rete Imprese Italia. Chi poteva immaginare alcuni mesi fa che la Confcommercio, Casartigiani e la Confartigianato potessero mettersi assieme a Confesercenti e a Cna? Chi poteva immaginare che vecchi steccati si potessero abbattere sul talamo dell’unione e della rappresentatività? E allora, caro Paolo, lascia perdere le bandiere o le sommosse di piazza e torna al tavolo comune, torna in Consulta nazionale, con l’intento di ragionare su ogni problematica, studiarla al meglio per plasmarla ai bisogni dell’intera categoria, cercare l’accordo e i compromessi necessari per andare uniti di fronte al Parlamento. E quando ci siamo riusciti abbiamo sempre portato a casa i risultati. Come vedrai stanno nascendo nuove iniziative di aggregazione tra le associazioni minori e questo accade perché noi stiamo lasciando libero lo spazio che serve. Riappropriamoci dell’iniziativa sindacale e della rappresentatività di categoria con la convinzione e la solidarietà di sempre. Lo reclama il territorio, lo vogliono i nostri iscritti, lo pretende la categoria degli agenti immobiliari e dei mediatori del credito. E di ciò se ne avvantaggeranno anche i consumatori e il mercato che ritroveranno in noi, Fimaa, Fiaip e Anama, tre realtà unite pronte a confrontarsi a testa alta per riaffermare dignità professionale ed un ruolo importante che rischiamo di perdere.

   , , , , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento