La notizia del giorno

Il presidente Paolo Bellini aggredito e minacciato da un abusivo chiede aiuto a Silvio Berlusconi

domenica 6 marzo , 2011

Riportiamo, in allegato, la lettera inviata dal nostro presidente nazionale, Paolo Bellini al presidente Silvio Berlusconi perchè si interessi della vicenda delittuosa accaduta nei giorni scorsi. Il 2 marzo e anche il 3 marzo Paolo Bellini è stato aggredito due volte, malmenanto, offeso e minacciato da un “agente immobiliare abusivo” della città di residenza con l’accusa di “aver inviato una denuncia anonima” contro l’abusivo. Naturalmente il presidente Bellini non ha MAI e poi MAI inviato alcuna denuncia anonima contro il soggetto ma ha da SEMPRE combattuto contro gli abusivi che ledono l’immagine degli agenti immobiliari in regola e fanno disastri sul Mercato. Dopo aver presentato due denunce ai Carabinieri e alla Polizia di Stato, Bellini si rivolge anche al Presidente del Consiglio perché lo aiuti nel difficile cammino burocratico amministrativo di difesa. Infatti nonostante il soggetto sia noto alle forze dell’ordine, si muove indisturbato in piazza e nel Paese senza alcuna restrizione o limitazione. E Bellini oltre ad essere ricorso alle cure del pronto soccorso per ben due notti, aver riportato la frattura di due dita della mano destra e 15 giorni di prognosi si trova da solo ad affrontare un violento che nulla ha da perdere. Con l’aggravante che questi lo ha minacciato più volte di morte giurandolo su suo figlio: e conoscendo il tipo c’è da crederci! La vicenda è uscita su La Voce di Rovigo, quotidiano locale ed è sulla bacca di tutti, soprattutto per il fatto che le percosse e le minacce sono state fatte in pieno centro cittadino. Per fortuna che ogni azione è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza del Comune e della locale Banca, immagini già in possesso dei Carabinieri. E poi sono numerose le testimonianze che provano la violenza subita dal Presidente Paolo Bellini a cui va tutta la solidarietà della redazione.

[download id=”49″]

   , , ,

Condividi su:

2 commenti

  1. caro paolo, sai che spesso le nostre idee non combaciano, e non ce le mandiamo certo a dire. ti sono umanamente vicino in quanto la violenza fisica, la minaccia e l’intimidazione sono una subdola negazione del principio universale dell’habeas corpus e dell’inviolabilità del sacro perimetro del corpo dell’uomo e della donna.

    purtroppo in italia, in questi casi, si tende a minimizzare, se A picchia B si dice che “A e B si sono scazzottati”, “se la vedranno poi loro”, “se ha fatto così qualche ragione ce l’avrà pure”…va a finire che spesso, agli occhi dell’opinione pubblica, è la vittima che si deve quasi giustificare.

    anche sugli abusivi si chiudono tutti e due gli occhi, a partire va detto da molti agenti immobiliari che ci lavorano insieme a vario titolo.

    ma so che sei coriaceo e uscirai da questa incredibile situazione, grazie anche a nuovi strumenti come l’introduzione del reato di stalking. per parte mia continuerò a solidarizzare umanamente (e polemizzare politicamente) con te.

  2. Grazie giuliano, grazie veramente della solidarietà e della comprensione. La violenza è sempre da evitare e da combattere. Poi quando ti tocca personalmente capisci come devono vivere alcuni cittadini, uomini o donne, vittime di questi abusi e di queste aggressioni. C’è gente che ha nel DNA la violenza come parametro di scambio e di attività. Altri invece credono nella legalità e nel confronto. Oggi tocca a me e mi auguro di venirne fuori presto domani può capitare a chiunque: ecco perchè lotto! Lotto perchè le ingiustizie e l’arroganza del violento non abbiano il sopravvento. Speriamo bene …. un abbraccio Paolo Bellini

Lascia un commento