In primo piano

Il potere d’acquisto dell’Onorevole rispetto al Cittadino

domenica 8 gennaio , 2012

Un parlamentare può acquistare ben 10 case rispetto al cittadino medio che ne può acquistare solo una.

I dati riportati quest’anno sulle buste paga dei parlamentari e una ricerca di un importante portale immobiliare indicano in 20 mila euro il reddito medio netto annuo di un cittadino italiano, mentre quello di un parlamentare è di 190 mila.

Su questa base abbiamo provato a fare una verifica sulla potenzialità di acquisto immobiliare dei “due cittadini” e ne abbiamo ricavato che se il dipendente o l’imprenditore comune può a mala pena acquistarsi nella vita un appartamento sui 150 mila euro, un parlamentare può acquistarne quasi dieci.

I dati di riferimento ci indicano che servono almeno quindici anni di lavoro per un cittadino comune prima di pensare all’acquisto della casa mentre al parlamentare, a parità di prezzo, gliene bastano due.

Una disparità evidente che ci da il fianco a rappresentare, nell’allegata tabella, la capacità di acquisto dell’italiano medio a confronto con il parlamentare.

Se il cittadino di Roma può ambire all’acquisto di un monolocale in periferia per il parlamentare è possibile, invece, comprare un attico in centro città. Così a Milano dove il primo può acquistarsi una mansarda di 20 metri quadratiin zona Fiera, mentre il parlamentare può scegliere un appartamento di 150 metri quadratiin pieno centro e così via. Infatti la busta paga del parlamentare, secondo quanto riferisce Rita Bernardini, esponente radicale eletta nelle liste del Pd a Montecitorio, è divisa in cinque ordini di pagamento: il primo cedolino, inviato dal gruppo parlamentare, prende il nome di ‘Rimborso per spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettore’; il secondo è ‘l’Indennità’ e il terzo è la ‘Diaria’. Inoltre, ogni tre mesi arriva un altro cedolino di 3.323,27 euro per spese di viaggi e trasporti. Infine, ogni sei mesi ecco i 3.098,74 euro per le spese telefoniche”. Tra una voce e l’altra sono  ben 15.800 euro al mese che entrano nelle tasche del parlamentare, senza contare agevolazioni, bonus e quant’altro previsto come privilegio.

Tabella di confronto del potere d’acquisto tra un parlamentare e un cittadino comune

Parlamentare

Cittadino comune

CittàTipologiamqzonaTipologiamqZona
Romaattico130Appio latinomansarda20Periferia
Milanoappartamento150Porta Romanamonolocale25Fiera de angeli
Torinovilla270Collinaappartamento45Mirafiori
Firenzeattico175Centromonolocale35Centro
Napolivilla180Vomeroappartamento50periferia

Fonte: centro studi – idealista.it

 

   , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento