La notizia del giorno

Gli esami in Camera di Commercio: un supplizio inaccettabile che non favorisce la nascita di nuove realta’ professionali.

giovedì 4 aprile , 2013

corso aula a Padova CescotChe per diventare agenti immobiliari serva una adeguata preparazione non vi sono dubbi! Troppo importante il ruolo e la conoscenza degli istituti base che gli operatori devono conoscere per essere definiti tali. Infatti da tempo ormai non e’ piu’ possibile fare il mediatore immobiliare se non si possiede un diploma di scuola media superiore e se non si e’ superato un esame di abilitazione. Prima ancora di andare all’esame e’ obbligatoria la frequenza di un corso preparatorio, che dura alcuni mesi, su materie di tutto rispetto come: diritto privato, commerciale, estimo, urbanistica, deontologia professionale e marketing. In alcune regioni le ore di lezione arrivano a 220 come in Lombardia in altre si attestano a 100 ore. Cio’ nonostante quando i candidati agenti immobiliari si presentano a sostenere le due prove scritte e poi la prova orale si verifica una vera e propria decimazione. Non superano di media l’esame piu’ del 30% dei candidati e quindi ogni 10 esaminati solo 3 si abilitano alla professione. Ora si dira’ che in questo modo si bonifica il settore e si da una mano ai consumatori che si troveranno di fronte a soggetti preparati e competenti. Ma non si tiene conto, invece, che non e’ l’esame attuale che puo’ dire di formare gli agenti immobiliari del futuro ma  la pratica che questi operatori faranno nel tempo. Il fenomeno aberrante della difficoltà  di superamento dell’esame e’ il dilagare dell’abusivismo, che per alcuni operatori diventa quasi la … soluzione obbligata. E allora ecco le mille sfaccettature di una attività  che si svolge per fasi: l’acquisitore, il procacciatore, il visitatore di appartamenti, l’elaboratore della pubblicita’ etc. solo allo scopo di non entrare nel tipicità  della mediazione, per la quale e’ richiesta per legge l’iscrizione in Camera di Commercio. Per non parlare poi delle commissioni d’esami formate da professionisti validi ed esperti pero’ nei loro campi e quindi : avvocati, agronomi, commercialisti, dirigenti di banca, architetti e ingegneri si alternano per valutare i giovani candidati e abilitare gli agenti immobiliari del futuro. In questo caso l’assenza degli esperti di settore si fa sentire molto. Questo e’ frutto delle recenti norme che hanno vietato la presenza di agenti immobiliari nelle commissioni d’esame dando sempre più  responsabilità’ in questo campo alla Camera di Commercio anziché  alle regioni, che sono poi le titolari dei corsi di formazione. Un guazzabuglio burocratico e normativo che di fatto penalizza chi intende aprire un’azienda, strutturarla al meglio con all’interno un responsabile all’intermediazione regolarmente munito di Qualifica Professionale. Nella foto: l’aula finale del corso on line Cescot – Academy con il presidente Bellini attorniato dai corsisti.

   , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento