La notizia del giorno

Antiriciclaggio: norme e obblighi da non dimenticare

domenica 6 aprile , 2014

antiriciclaggio1Parliamo nuovamente di Antiriciclaggio per ricordare ai nostri iscritti ed al settore delle agenzie immobiliari l’importanza di stare “in regola” con questa materia. Andiamo avanti per punti:

Ai sensi dell’art. 14, comma 1, lett. f), del Decreto Legislativo 231/2007, gli Agenti Immobiliari sono tra i destinatari della normativa antiriciclaggio.
Ai fini della procedura di Adeguata Verifica delle clientela (art. 17) per operazioni al di sopra della soglia di € 15.000,00, segnaliamo in primo luogo l’obbligo di identificare il cliente – e l’eventuale titolare effettivo – e di verificarne l’identità. I clienti forniscono, sotto la propria responsabilità, tutte le informazioni necessarie e aggiornate per consentire ai soggetti, che vi sono tenuti, di adempiere agli obblighi di adeguata verifica della clientela. Ai fini dell’identificazione del titolare effettivo, i clienti forniscono per iscritto, sotto la propria responsabilità, tutte le informazioni necessarie e aggiornate delle quali siano a conoscenza (art. 21).
Ai sensi dell’art. 36, gli Agenti Immobiliari devono conservare i documenti e registrare le informazioni che hanno acquisito per assolvere gli obblighi di adeguata verifica della clientela, affinché possano essere utilizzati per qualsiasi indagine su eventuali operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo o per corrispondenti analisi effettuate dalla UIF o da qualsiasi altra Autorità competente.

Possono quindi utilizzare:

a.  i sistemi informatici di cui sono dotati per lo svolgimento della propria attività elaborando mensilmente le informazioni ivi contenute (art. 39, comma 1);
b. attivare l’AUI – Archivio Unico Informatico (art. 39, comma 3);
c. istituire il registro cartaceo della clientela a fini antiriciclaggio nel quale conservare i dati identificativi del cliente (art. 38). La documentazione, nonché gli ulteriori dati e informazioni sono conservati nel fascicolo relativo a ciascun cliente nel rispetto di quanto previsto nei co. 3 e 4 dell’art. 38 .

Gli Agenti Immobiliari, inoltre, sono tenuti ad inviare alla UIF una segnalazione di operazione sospetta quando sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare che siano in corso o che siano state compiute o tentate operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. Al fine di facilitare l’individuazione dei casi sospetti, con decreto del Ministro dell’Interno su proposta della UIF, sono emanati e periodicamente aggiornati gli Indicatori di Anomalia (art. 41).

Le sanzioni sono di natura penale e amministrativo:

Sanzioni penali:

• la contravvenzione alle disposizioni contenute nel titolo II, capo I, concernenti l’obbligo di identificazione, è punita con la multa da € 2.600,00 a € 13.000,00 ( art.55 comma 1)
• l’omissione delle generalità del soggetto per conto del quale eventualmente esegue l’operazione o le indica false e’ punito con la reclusione da sei mesi a un anno e con la multa da € 500,00 a € 5.000,00 (art. 55 comma 2).
• L’esecutore dell’operazione che non fornisce informazioni sullo scopo e sulla natura prevista dal rapporto continuativo o dalla prestazione professionale o le fornisce false è punito con l’arresto da sei mesi a tre anni e con l’ammenda da € 5.000,00 a € 50.000,00 ( art.55 comma 3)
• il mancato rispetto degli Obblighi di Registrazione di cui all’art. 36 è punito con la multa da € 2.600,00 a € 13.000,00 (art. 55 comma 4).

Sanzioni amministrative:

• l’omessa istituzione dell’Archivio Unico di cui all’articolo 37 è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria da € 50.000,00 a € 500.000,00 (art.57 comma 2);
• l’omessa istituzione del Registro della Clientela di cui all’articolo 38 ovvero la mancata adozione delle modalità di registrazione di cui all’articolo 39 è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria da
€ 5.000,00 a € 50.000,00 (art.57 comma 3);
• l’omessa segnalazione di operazioni sospette è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria dall’1% al 40% dell’importo dell’operazione non segnalata (art. 57, comma 4). (Vedi documenti allegati)

 

   , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento