La notizia del giorno

Non vi e’ mai stato obbligo per gli agenti immobiliari di iscriversi a Enasarco. Confermato anche dal nuovo statuto dell’Ente.

giovedì 23 ottobre , 2014

enasarco tavolo-protocolloMa non vi e’ mai stato l’obbligo per gli agenti immobiliari di iscriversi all’Enasarco. Questo e’ lo spauracchio messo in giro da Paolo Righi (FIAIP) per avvalorare la sua battaglia contro il protocollo d’intesa firmato da Fimaa e Anama. Ma di fatto anche il rinnovato statuto di Enasarco conferma questo dato. All’Ente di previdenza devono iscriversi gli agenti intermediari regolati dall’art. 1742 e ss. del codice civile, cioè’ quelli che hanno un contratto di agenzia e lavorano sulla base di un mandato o di una procura. Non di certo gli agenti immobiliari che sono soggetti al dettato della legge 39 del 1989, tenuti ai requisiti professionali e all’iscrizione in Camera di Commercio e all’INPS. Basta con enunciazioni populiste ed inutili! Anama non avrebbe mai sottoscritto il protocollo con Enasarco se le cose non fossero state in questo modo. Solo chi svolge attività’ di rappresentante del suo Tutor deve iscriversi ad Enasarco. Non chi svolge l’attività’ di mediatore immobiliare. Nella foto: il tavolo dell’accordo tra Fimaa, Anama e Enasarco a Roma.

In allegato la news uscita su Monitorimmobiliare al riguardo: http://www.monitorimmobiliare.it/enasarco-corregge-il-tiro-sugli-agenti-immobiliari&admin=yes?utm_source=GraphicMail&utm_medium=email&utm_term=NewsletterLink&utm_campaign=NewsletterFlash_20141023_182437&utm_content=

   , , , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento