In primo piano

Anama a confronto con il Governo

venerdì 13 febbraio , 2015

Il vice Ministro dell’Economia, on. Enrico Morando, ha partecipato al convegno organizzato da Anama, nei giorni scorsi, presso la sede di via Nazionale a Roma. E’ stata una riunione operativa, con la quale segnalare al vice Ministro le problematiche che stanno alla base della crisi di settore. La Confesercenti, con il suo segretario nazionale Mauro Bussoni, ha spronato Morando con iniziative di grande rilievo, come quella che vada a sostenere gli affitti brevi dei negozi vuoti al fine di rivitalizzare i centri storici cittadini. Il tutto con garanzie a favore del proprietario del negozio sul pagamento dei canoni pattuiti. In questo Anama può risultare utile per l’individuazione delle unità immobiliari e delle piccole aziende che ambiscono a dare vita ad una iniziativa per verificare il mercato. Il presidente Paolo Bellini ha lanciato il monito “meno tasse per avere più compravendite”, decretando il peso fiscale quale elemento deterrente alla ripresa del settore. Da 800 mila a 402 mila compravendite è il dato sul quale riflettere. Va sostenuto l’acquisto della prima casa, afferma Bellini, ma anche quello della seconda casa che in alcune località d’Italia è fondamentale. Serve una forfettizzazione dei costi accessori, continua il leader di Anama, e delle imposte che gravano sugli atti notarili. Al vice Ministro è stato illustrato il manifesto Anama per la ripresa del Mercato e quello per regolamentare a dovere l’accesso alla professione. Sono intervenuti: Andrea Carmignani di Firenze, Renato Maffey – vice presidente nazionale, Filippo Crocè – presidente provinciale di Roma, e altri esponenti associativi. L’impegno preso dal vice Ministro Morando è stato quello di far proprie le istanze presentate da Anama e di farsi portavoce nell’Esecutivo delle aspettative e dei suggerimenti che gli operatori hanno messo in primo piano.

   , , , , , , , , , , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento