La notizia del giorno

Parma: parte dal territorio la battaglia per il praticantato

lunedì 20 luglio , 2015

maestri

Dopo anni di riunioni, incontri e documenti ecco che da Parma parte l’iniziativa per dare vita al Regolamento di Attuazione del Praticantato per gli agenti immobiliari (art. 18 legge 57/2001). L’iniziativa voluta dall’Anama provinciale, in accordo con la Confesercenti territoriale, mira a dare completezza ad una legge del 2001 che ha istituito la pratica professionale quale strada alternativa per la qualifica professionale, ma che da 14 anni è priva del Regolamento di Attuazione. L’obiettivo, dicono a Parma. è quello di creare più possibilità di accesso alla professione anche attraverso la preparazione “sul campo”, da tutti definita la miglior scuola professionale. Oggi per diventare agenti immobiliari oltre al diploma di scuola media superiore serve la frequenza di un corso regionale e il superamento di un esame presso la Camera di Commercio di residenza. Con  il varo del praticantato, invece, nasce la possibilità di entrare subito in agenzia, di ricevere un  compenso di base e di affiancare il tutor (agente immobiliare senior) nella sua opera quotidiana. Nel contempo il giovane candidato agente immobiliare dovrà frequentare un corso abilitante per poter accedere alla qualifica professionale al termine del percorso. Due strade quindi per diventare agenti immobiliari, due modi di approcciare la professione, due modelli diversi ma tutti convergenti verso il bisogno di preparare al meglio gli agenti immobiliari del futuro. A sostenere l’iniziativa di Parma, oltre al nazionale Anama anche l’on. Patrizia Maestri (PD) membro della Commissione lavoro della Camera dei Deputati, che ha presentato un’apposita ed articolata interrogazione al Ministero dello Sviluppo Economico, che alleghiamo.

Nella foto: l’Onorevole Patrizia Maestri, firmataria dell’interrogazione parlamentare sul praticantato

   , , , , , , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento