Gli esperti

Cessione del quinto

venerdì 9 giugno , 2017

cessione del quinto

Cos’è la Cessione del Quinto

La Cessione del Quinto, consiste nella decurtazione della busta paga o della pensione, che l’azienda o l’istituto previdenziale (c.d. terzi ceduti), esegue della rata del finanziamento, per poi versarla all’ente erogante lo stesso finanziamento.

I soggetti coinvolti nell’operazione sono: il richiedente, l’azienda o l’ente previdenziale, l’ente erogante il finanziamento e infine la compagnia assicurativa

La nascita dell’istituto

Tale procedura nasce nel 1870, e i primi a ricorrervi furono i Bersaglieri che percepivano il salario.

Il Re D’Italia Umberto I, per tutelare la categoria dall’indebitamento, delegò chi gestivano il loro salario per il pagamento dei debiti, e fissò ad un quinto la quota massimo di indebitamento.

Gli Ufficiali Bersaglieri poterono commissionare gli Ufficiali pagatori a trattenere e versare per proprio conto, quanto dovuto ricevendo il netto dello stipendio dedotto del rimborso della rata del debito.

La disciplina normativa di riferimento

La Cessione del Quinto è regolata da un sistema normativo, basato sul  contenuto del D.P.R. n. 180 del 5/1/1950 e dal relativo regolamento attuativo, il D.P.R. 28 luglio 1950 n. 895, per i dipendenti pubblici e statali, ripreso nella finanziaria 2005 (legge N. 80) per i dipendenti privati e pensionati ed infine integrato con la finanziaria 2006 e con il Decreto Ministeriale n. 313 del 2006.

Le caratteristiche della Cessione del Quinto

L’istituto si caratterizza per alcuni elementi tipici:

  1. L’importo massimo erogabile va individuato in base dell’età, all’anzianità di servizio e al tipo di impiego.
  2. Il rimborso va stabilito in relazione ad un piano predefinito a rate costanti, di durata da 24 a 120 mesi. L’importo della rata mensile di rimborso non può eccedere la quinta parte della retribuzione o pensione netta mensile.
  3. Se esiste un ulteriore forma di finanziamento.
  4. Firma singola.
  5. Ammortamento oltre termini di quiescenza previa autorizzazione.
  6. Concedibile anche se presenti precedenti disguidi finanziari.
  7. Non prevede la fornitura di garanzie reali; ha una forma di garanzia nel TFR maturato e maturando dal dipendente (per i dipendenti privati).
  8. E’ necessaria la coperture assicurativa a garanzia del rischio vita e impiego del Cliente, ai sensi dell’articolo 54 del DPR 180/1950 (per pensionati presente esclusivamente garanzia del rischio vita).

L’iter per la concessione del finanziamento

La concessione della cessione del quinto, prevede l’avvio di un’istruttoria, con la consegna al cliente della documentazione precontrattuale in osservanza alle norme disposte dal D.Lgs. del 13 agosto 2010 n. 141 sulla trasparenza; e la sottoscrizione di detta documentazione.

Viene fatta richiesta della documentazione necessaria, utile per la concessione del finanziamento, all’azienda  o istituto previdenziale; sottoscrizione del contratto di finanziamento con conseguente notifica dello stesso all’azienda di appartenenza o istituto previdenziale.

Infine l’erogazione del finanziamento a seguito del rilascio dell’atto di benestare all’operazione da parte dell’azienda o istituto previdenziale.

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento