News

La garanzia del notaio per acquisti di immobili “sulla carta”

giovedì 16 novembre , 2017

antiriciclaggio

Il Governo è stato delegato ad adottare disposizioni a tutela di coloro che acquistano un immobile “sulla carta”, come originariamente previsto dalla Legge 210/ del 2004 e dal D.Lgs. 122 del 2005.

Infatti, in caso di acquisto di un immobile ancora da costruire, il notaio avrà il compito controllare la regolarità della fidejussione rilasciata dal costruttore, a garanzia dei versamenti che l’acquirente fa in suo favore, oltre  al rilascio della polizza postuma decennale, che copre gli eventuali vizi dell’immobile, dopo la conclusione della compravendita.

Inoltre, la principale novità che verrà introdotta, è che il contratto preliminare di compravendita, verrà redatto per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, e il notaio sarà dunque tenuto al controllo del rispetto di due obblighi a cui è tenuto il costruttore verso il promissario acquirente:

  • consegna della fidejussione di importo corrispondente alle somme e al valore di ogni altro eventuale corrispettivo che il costruttore ha riscosso e deve ancora riscuotere dall’acquirente prima del trasferimento della proprietà,
  • alla conclusione dei lavori, consegna della c.d. “polizza decennale postuma” a beneficio dell’acquirente, per la copertura dei danni materiali e diretti all’immobile.

Il contratto è nullo in caso di inadempimento di quest’ultimo; nullità che solo l’acquirente potrà far valere.

Questi obblighi in capo al costruttore, erano già indicati dal D.Lgs. 122 del 2005, ma non sempre venivano rispettati, con gravi pregiudizi per l’acquirente.

Le definizioni di acquirente e di costruttore

L’acquirente è la persona fisica, che acquista l’immobile da costruire o che ha stipulato ogni altro contratto diretto all’acquisto o al trasferimento non immediato, a sé o ad un proprio parente di primo grado, della proprietà o della titolarità di un diritto reale di godimento su di un immobile da costruire.

Lo scopo della normativa è quello di rafforzare la tutela della posizione dell’acquirente.

Il costruttore, invece è l’imprenditore o la cooperativa edilizia che promettono in vendita o che vendono un immobile da costruire, sia nel caso in cui lo stesso venga edificato direttamente dai medesimi sia nel caso in cui la realizzazione della costruzione sia data in appalto o comunque eseguita da terzi.

La delega ora conferita al Governo, di affidare al notaio il ruolo di garante della legalità è un buon risultato: entro 12 mesi dovrà essere adottato un decreto legislativo per attuare la disciplina.

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento