Paolo Bellini

Indagine sulla formazione per agenti immobiliari in Italia

martedì 5 giugno , 2018

ANAMA come associazione di categoria, è molto attenta all’evoluzione della professione di agente immobiliare.

La trasformazione dall’antico mestiere di sensale, alla nuova realtà di agente immobiliare, porta con se modelli di organizzazione che si traducono in “imprese guidate da professionisti”.

Non vi è dubbio che la categoria degli agenti immobiliari non gode di buona reputazione, il più delle volte a causa degli “abusivi”, che ancora oggi imperversano il settore, ma anche per i colleghi che operano in carenza di professionalità e competenza.

L’antidoto a questo male, è la formazione: che deve essere fatta sia nella fase preliminare, all’accesso alla qualifica professionale, sia nel mantenimento dei requisiti minimi di competenza e di conoscenza delle norme che regolano l’ambiente della compravendite e della locazione immobiliare.

Il nuovo Governo, ci apre le porte ad un contatto diretto con il neo Ministro dello Sviluppo Economico, On. Luigi Di Maio, che guida il Dicastero governativo, dove vengono decise le leggi che ci interessano e che in particolar modo riguardano il varo del regolamento al praticantato, che di fatto blocca la legge 57 del 2001, che istituisce la seconda via di accesso all’abilitazione professionale.

Ricordiamo, che per diventare agenti immobiliari è necessario un diploma di scuola media superiore o una laurea, la frequentazione di un corso regionale riconosciuto dalle Camere di Commercio, e il superamento di un esame.

In virtù sempre della legge 57/2001, vi sarebbe anche l’accesso alla professione mediante un anno di pratica professionale da farsi presso un agente immobiliare abilitato, terminando il percorso abilitativo, con una semplice verifica dello svolgimento della stessa.

ANAMA, per avere un quadro generale della situazione, vuole acquisire i dati aggiornati sui corsi di formazione, erogati dagli Enti preposti e riconosciuti dalle Regioni.

A questo proposito, lancia la campagna di acquisizione delle informazioni sui corsi, con particolare riferimento alle ore di durata, e alle altre informazioni utili a definire il fenomeno della formazione professionale relativa ai percorsi preparatori all’esame di abilitazione.

Alleghiamo la scheda informativa perché possa essere comodamente compilata dagli addetti ai lavori, e ritornata tramite mail alla: info@anama.it.

  Scheda informativa indagine normativa regionale formazione (21,9 KiB, 0 download)



Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento