News

TRE FAMIGLIE SU 4 HANNO LA CASA DI PROPRIETÀ

lunedì 3 Febbraio , 2020

In Italia tre famiglie su quattro hanno la casa di proprietà, ciò è stato confermato dal report biennale sul patrimonio immobiliare italiano – “Gli Immobili in Italia”, elaborato dall’Agenzia delle Entrate con il Dipartimento delle Finanze, in collaborazione con Sogei, su dati relativi all’anno 2016.

Da tale ricerca risulta che il 75,2% delle famiglie (tre su quattro), abita in una casa di proprietà; inoltre nell’anno di riferimento, la superficie media di un’abitazione era pari a 117 mq e il suo valore medio di circa 162 mila euro (1.385 euro/mq).

Il valore totale (pertinenze incluse) era di di 5.526 miliardi di euro, mentre il valore complessivo del patrimonio abitativo superava i 6mila miliardi.

Su 40,9 milioni soggetti che hanno presentato la dichiarazione dei redditi, oltre 25,8 milioni (il 63,1% del totale dei contribuenti) sono risultati proprietari di immobili o di quote immobiliari. Aumentano i proprietari di abitazioni senza figli a carico che rappresentano il 76,6% del totale.

Uso degli immobili

Il 60% dei 57 milioni di abitazioni di proprietà di persone fisiche veniva utilizzato come abitazione principale o pertinenza. Gli immobili dati in locazione erano circa 6 milioni (10%) mentre 6,2 milioni (11%) sono quelli lasciati a disposizione. Sono circa 1,2 milioni, poco più del 2% del totale, gli immobili concessi in uso gratuito a familiari o ad altri comproprietari.

Il valore del patrimonio immobiliare

Nel 2016 il valore del patrimonio abitativo era di 6.004,4 miliardi, in lieve calo rispetto al 2015 (6.096,9 miliardi). Il patrimonio immobiliare residenziale più alto era rappresentato dalla Lombardia (1.006,2 miliardi) e dal Lazio (761,8 miliardi).

Un’abitazione in Italia valeva circa 162mila euro, con un valore unitario di 1.385 €/m2 (in diminuzione dell’1,8% rispetto al 2015), tranne per la Lombardia in cui il valore delle case è rimasto stabile, e il Trentino-Alto Adige, unica regione a segnare un aumento del valore medio, +0,8%.

Locazioni

Nel 2016 gli individui locatori di immobili erano 4,3 milioni in lieve diminuzione rispetto al 2014. Il canone annuo medio era di circa 10.300 euro (da circa 9,7 mila euro del 2014).

Tasse e incentivi

A partire dal 2016, il prelievo di natura patrimoniale sugli immobili si è ridotto di oltre 4,5 miliardi di euro, a seguito dell’abolizione della TASI sulle abitazioni principali non di lusso e di altre misure di alleggerimento del prelievo sugli immobili.

Dal 2007 al 2016 sono stati posti in essere 27,1 milioni di interventi per il recupero del patrimonio edilizio, che hanno generato una spesa totale pari a 115,9 miliardi di euro circa e una spesa media per intervento di 4,3 mila euro.

Nello specifico, nell’anno di imposta 2016, gli immobili per i quali sono stati dichiarati lavori di ristrutturazione sono quasi 1,5 milioni con un beneficio medio annuo (per immobile) di 465 euro.

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento