News

Nuovo disegno di legge sugli “affitti brevi”

lunedì 17 Febbraio , 2020

Un fenomeno che funziona? ecco che lo stato italiano ci mette le mani per “controllarlo” e portare a casa imposte e tasse!

Il prossimo Disegno di Legge sul Turismo stabilisce che “chi affitta più di tre case sarà considerato come un’impresa, sia che si tratti di una persona fisica che di una società”.

Ciò comporta una stretta sugli affitti brevi e multipli!

Nel citato Disegno di Legge sul Turismo, si prevedono anche incentivi per le attività commerciali nelle piccole località e la revisione della tassa di soggiorno che verrebbe estesa a tutti i Comuni italiani.

In sostanza il governo punta a cambiare le regole sulle locazioni brevi gestite attraverso le piattaforme digitali.  Chi invece gestirà appartamenti in affitto breve, fino al massimo di tre unità continuerà a godere delle regole attuali, introdotte nel 2017, come quella che fa riferimento alla tassazione con cedolare secca al 21%.

e le unità immobiliari sono più di tre, scattano i vincoli e gli obblighi che caratterizzano le imprese del settore turistico. La norma varata dal MEF dovrebbe trovare efficacia verso l’estate di quest’anno.

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento